Lavoro in
somministrazione

Il contratto di somministrazione di lavoro è un tipo di rapporto di lavoro triangolare, che prevede cioè:

• Un utilizzatore (azienda),
• Un somministratore (un’Agenzia per il Lavoro autorizzata dal Ministero)
• Un lavoratore.

L’utilizzatore è il datore di lavoro che si rivolge al soggetto somministratore per avvalersi di lavoratori assunti con contratti lavoro subordinato in somministrazione, che possono essere sia a tempo determinato che a tempo indeterminato.

Nel lavoro in somministrazione, dunque, esistono due diversi contratti:

• il contratto di somministrazione (di tipo commerciale) tra l’utilizzatore e il somministratore
• il contratto di lavoro subordinato tra il somministratore e il lavoratore

Il lavoratore assunto con contratto di somministrazione di lavoro presta la sua manodopera a favore dell’utilizzatore e deve osservarne misure e regole come i dipendenti assunti direttamente. Allo stesso modo, ha diritto al medesimo trattamento retributivo e normativo dei lavoratori assunti direttamente dall’utilizzatore, a parità di mansioni.

Le novità del Jobs Act per la
somministrazione di lavoro

Il contratto di somministrazione a tempo determinato, a seguito del Decreto Lavoro (prima fase della riforma del lavoro Jobs Act) in vigore da maggio 2014  è caratterizzato dalla acausalità: ovvero, non prevede l’obbligo di inserire la causale, ovvero di indicare la motivazione per cui si utilizza questa tipologia contrattuale.

Scopri l’infografica

Il Jobs Act, inoltre, con le più recenti misure (decreto legislativo n.81/2015) ha introdotto alcune ulteriori novità: innanzitutto ha liberalizzato la somministrazione a tempo indeterminato (detta anche Staff Leasing), eliminando l’indicazione dei settori e delle attività per cui era possibile adoperare questa forma contrattuale. Sempre e solo con riguardo alla somministrazione a tempo indeterminato è stato invece posto un tetto del 20%: questo significa che l’utilizzatore non può inserire in somministrazione di lavoro a tempo indeterminato una percentuale di lavoratori che vada oltre il 20% degli assunti con contratto a tempo indeterminato. Limite percentuale, questo, che può essere variato dai contratti collettivi.

Per quel che riguarda la somministrazione a tempo determinato, non sono previsti limiti percentuali per l’azienda utilizzatrice nell’inserimento con questa tipologia di contratto, anche se i contratti collettivi possono introdurne, eccezion fatta per quelle categorie di lavoratori cosiddetti svantaggiati, tra cui si annoverano ad esempio lavoratori under 25, over 50 e persone senza diploma.

Somministrazione di lavoro:
quando non si può usare

Il lavoro in somministrazione, incluso quello a tempo indeterminato, non può essere adoperato in questi casi:

• Per sostituire lavoratori che siano in sciopero
• In unità produttive in cui vi sia sospensione o riduzione dell’orario di lavoro con cassa integrazione (per lavoratori adibiti alle stesse mansioni)
• In unità produttive in cui vi siano stati licenziamenti collettivi di personale con le medesime mansioni nei sei mesi precedenti (divieto che può essere superato per la sostituzione di lavoratori assenti e per contratti di somministrazione di durata iniziale non superiore ai tre mesi)
• In mancanza della valutazione dei rischi in applicazione della normativa di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Per scoprire maggiori dettagli sulla somministrazione di lavoro, sulle sue caratteristiche e sulla legge vigente, puoi consultare direttamente la normativa.

Guarda cosa sta succedendo.

Meno del 15% delle studentesse italiane sceglie di intraprendere un percorso...

Comprendere ciò che rende un’azienda l’azienda dei sogni è un modo per intercettare...

Sviluppare percorsi di occupabilità in grado di facilitare l’incontro tra formazione e mondo del...