GTCI 2018: quali sono i Paesi che attraggono più talenti?

In occasione del meeting annuale del World Economic Forum, il 22 gennaio a Davos in Svizzera è stata lanciata la quinta edizione del Global Talent Competitiveness Index (GTCI), indagine internazionale che classifica 119 Paesi per capacità di sviluppare, attirare e fidelizzare i talenti.

Realizzata da The Adecco Group a livello globale in collaborazione con INSEAD e Tata Communications, il GTCI – che quest’anno si focalizza in particolare sul tema della Diversity for Competitiveness, puntando l’attenzione sul valore e sul talento della diversità – offre un approccio completo e analitico a imprese e istituzioni, con la possibilità di un oggettivo confronto nel tempo.

È stata l’occasione per conoscere non solo quali sono i Paesi più attrattivi per i talenti a livello mondiale, ma anche per scoprire le città più capaci di valorizzare la diversità come risorsa fondamentale per formare, attrarre e ritenere talenti, con l’obiettivo di rendere il mercato del lavoro accessibile a tutti.

Guadagnando quattro posizioni rispetto allo scorso anno, il nostro Paese si classifica al 36° posto, dopo Lituania (34°) e Costa Rica (35°), e seguito da Cipro (37°), Bahrain (38°) e Polonia (39°). A livello delle singole città, Bologna si colloca al 47° posto e prima tra le italiane. Anche Roma (50°), Torino (52°) e Milano (53°) si posizionano tra le 90 città del mondo con maggiore capacità di attrarre professionisti e giovani risorse. A primeggiare nella classifica internazionale, invece, città del Nord Europa come Zurigo, Stoccolma e Oslo, città più attrattive per i talenti a livello globale.

Per entrare nel dettaglio dei risultati 2018 e per un confronto con i risultati delle scorse edizioni, scopri la sezione Futuro del Lavoro.

Guarda cosa sta succedendo

Quando università e mondo del lavoro si incontrano: il 19 luglio al Career Day IAAD per orientare i giovani

Offrire opportunità concrete per lo sviluppo del talento e dell’occupabilità dei giovani...

È il momento di agire: un nuovo contratto sociale per il 21° secolo

In un mondo in rapida evoluzione, crediamo sia fondamentale cambiare la concezione del lavoro e la sua declinazione, rivedendo i sistemi utilizzati...

  • Jobless Society Forum_The Adecco group con Fondazione Feltrinelli per parlare di sfide, pratiche e politiche per un lavoro di qualità

Jobless Society Forum: insieme a Fondazione Feltrinelli per discutere delle sfide pratiche e politiche per un lavoro di qualità

In un’epoca segnata dall’aumento dell’insicurezza lavorativa e da nuove vulnerabilità sociali, crediamo sia necessario comprendere le tendenze attuali del mondo del lavoro...

2018-01-23T10:09:03+00:00