Certificazione Sociale SA80002022-07-11T14:39:53+01:00

Certificazione Sociale SA8000

Adecco Italia ha ottenuto la Certificazione Sociale SA8000. Fin dal 2005, i principi dello standard internazionale hanno rappresentato per noi un riferimento importante per la nostra politica di responsabilità sociale.

Adecco Italia, attraverso l’impegno di ogni dipendente, ha da sempre ricoperto un ruolo sociale rilevante, che nel corso degli anni ha caratterizzato, con crescente consapevolezza, le strategie aziendali.
La norma SA (Social Accountability) 8000, standard internazionale elaborato nel 1997 dall’ente americano SAI, contiene nove requisiti sociali orientati all’incremento della capacità competitiva di quelle organizzazioni che volontariamente forniscono garanzia di eticità della propria filiera produttiva e del proprio ciclo produttivo, incoraggia le organizzazioni a sviluppare, mantenere e applicare pratiche accettabili socialmente nel posto di lavoro.

I nove requisiti riguardano:

1. lavoro infantile
2. lavoro forzato e obbligato
3. salute e sicurezza
4. libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva
5. discriminazione
6. procedure disciplinari
7. orario di lavoro
8. remunerazione
9. sistema di gestione

La conformità alle norme dello standard è garantita da una certificazione di Parte Terza, indipendente, emessa da Organismi Accreditati, nel nostro caso  C.I.S.E.

La certificazione rappresenta una garanzia di eticità del modo di operare di Adecco Italia, e comporta notevoli benefici, non solo in termini di business, ma anche di miglioramento della fiducia da parte dei dipendenti, clienti e del pubblico in generale.

Per segnalare eventuali casi di non conformità alle norme puoi inviare una mail a:
rappresentantesa8000@adecco.it
info@lavoroetico.org
saas@saasaccreditation.org

Guarda cosa sta succedendo

Il nostro Gruppo al Forum Sostenibilità 2022

Giovedì 15 settembre alle ore 12:00, Claudio Soldà, nostro CSR & Public Affairs Director, prenderà parte al talk dal titolo “Verso il lavoro sostenibile? Ripensare l’organizzazione per un nuovo tipo d’impresa”.