Coronavirus: tornare a lavorare in sicurezza. The Adecco Group in prima linea per accelerare il rientro in sicurezza di dipendenti e imprenditori

La crisi causata dal Coronavirus ha messo i governi, i lavoratori e le imprese davanti a una sfida senza precedenti. Improvvisamente un gran numero di persone si è trovato senza lavoro, a fronteggiare un periodo di grave crisi finanziaria.

Con la fine della pandemia ancora lontana, e delle conseguenze che probabilmente si subiranno duramente negli anni a venire, una cosa è certa: il mondo del lavoro non sarà più lo stesso. Per limitare la recessione economica e garantire la possibilità di sostentamento a tutti i lavoratori, sarà imperativo adattarsi velocemente a questa nuova realtà.

Risulta quindi necessario un intervento immediato sin da subito, per essere pienamente preparati, quando sarà il momento, a riportare i lavoratori al loro posto in totale sicurezza, evitando di aumentare il rischio di contaminazione.

Dato il senso di urgenza, è con questo obiettivo che The Adecco Group, azienda leader nel settore delle risorse umane a livello globale, e assieme a Randstad NV e Manpower Group, si sta muovendo con l’obiettivo di portare un contributo utile e funzionale al processo di preparazione alla nuova normalità, accelerando il rientro in sicurezza di dipendenti e datori di lavoro.

Imprese, sindacati e ONG saranno invitati a collaborare. Nello stesso tempo, questa alleanza solleciterà i governi a supportare e promuovere questo impegno poiché, più a lungo questa situazione si manterrà, maggiore sarà l’impatto sull’economia.

Il momento di unirsi e agire è adesso.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere il Paper completo, Tornare a lavorare in sicurezza.

Guarda cosa sta succedendo

CloudCamp 4SMEs

Il nostro Gruppo è partner del progetto CloudCamp4SMEs, programma Co-Finanziato dalla Comunità Europea che mira a potenziare la trasformazione digitale delle PMI

Global Workforce of the Future 2023

L'edizione di quest'anno della nostra ricerca "Global Workforce of the Future" segna una netta inversione di tendenza rispetto al 2022 per quando riguarda desideri e aspettative dei lavoratori italiani.

2020-05-08T10:44:29+01:00