Global Talent Competitiveness Index 20182018-01-29T09:52:54+01:00

Global Talent
Competitiveness Index
2018

Il 22 gennaio 2018 a Davos, in Svizzera, sono stati presentati i risultati del GTCI 2018, all’interno del meeting annuale del World Economic Forum, di cui The Adecco Group è partner strategico.

In breve

L’Italia si classifica al 36° posto tra i Paesi con maggiore capacità di attrarre, formare e fidelizzare professionisti e giovani risorse, dopo Lituania (34°) e Costa Rica (35°) e seguita da Cipro (37°) e Bahrain (38°). Tra le migliori 90 città a livello mondiale, spiccano Bologna (al 47° posto e prima tra le italiane), Roma (50°), Torino (52°) e Milano (53°) . Svizzera e Singapore dominano la classifica internazionale per i Paesi, Zurigo e Stoccolma per le città.

Il nostro Paese mostra un certo ritardo nell’attrarre talenti, in particolare rispetto alle economie sviluppate; al contrario, si dimostra valido nella capacità di far crescere (Grow) e trattenere (Retain) i talenti e di fruire di capitale umano qualificato (VT), categorie nelle quali si classifica rispettivamente al 36°, 32° e 28° posto. La capacità dell’Italia di permettere al talento di crescere si riflette in fattori come il livello del sistema d’istruzione e la qualità della formazione continua.

È quello che abbiamo scoperto grazie alla quinta edizione del Global Talent Competitiveness Index, l’indagine annuale realizzata da The Adecco Group a livello globale in partnership con INSEAD e Tata Communications, che – dando quest’anno voce al tema “Diversity for Competitiveness – ha delineato i Paesi e i centri urbani più capaci di valorizzare il capitale umano, avvalendosi della diversità per generare innovazione e inclusione.

Per entrare nel dettaglio del GTCI 2018, consulta l’infografica e il report qui di seguito.

Guarda cosa sta succedendo.

DE&I: Adecco ottiene la certificazione parità di genere

Adecco ottiene la Certificazione per la Parità di Genere per aver introdotto politiche con l'obiettivo di ridurre il divario di genere, perseguire una maggior qualità del lavoro femminile e tutelare la genitorialità attraverso progetti specifici