The Adecco Group e Fondazione Feltrinelli, una partnership per la tutela e i diritti dei lavoratori

Il mercato del lavoro sta mutando rapidamente, le disruption e le crisi degli ultimi anni -di cui la pandemia è l’esempio più straordinario – lo hanno reso fluido, complesso e incredibilmente competitivo. E mentre assistiamo a una digitalizzazione dei processi produttivi sempre più pervasiva, le politiche a tutela dei lavoratori restano ancorate al passato, rivelandosi del tutto inadeguate al cambiamento in corso. Diventa, quindi, fondamentale cercare di costruire valide alternative al modello economico corrente, riflettere sulle possibili soluzioni a tutela dei lavoratori al fine di garantire loro benessere, inclusione sociale e protezione dai nuovi rischi.

Per questo The Adecco Group in collaborazione con Fondazione Feltrinelli, ha deciso di lanciare un ciclo di incontri dal titolo Forza Lavoro! L’obiettivo è fare luce, insieme a protagonisti del mondo politico e sindacale, ad accademici, professionisti ed esperti del settore, sulle attuali condizioni lavorative e contrattuali, in Italia e in Europa.

Il primo incontro, dal titolo Tutelare tutti i lavoratori per guardare al futuro, si è tenuto lo scorso 30 giugno presso la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli a Milano; il tema affrontato dagli ospiti intervenuti verteva intorno all’urgenza di un riconoscimento economico e sociale dei lavoratori cosiddetti essenziali, spesso precari, protagonisti “eroi” durante il lungo lockdown.

Mercoledì, 8 luglio, l’amministratore delegato del Gruppo, Andrea Malacrida, ha aperto il secondo appuntamento: Riportare il lavoro al centro dell’Europa. Insieme a lui nomi illustri del sindacato italiano e internazionale hanno discusso del bisogno di rivitalizzare i processi di rappresentanza dei lavoratori e di rivedere a livello europeo le odierne politiche del lavoro.

Dopo la pausa estiva, gli incontri riprenderanno il 15 e il 24 settembre, rispettivamente con Questo è il dilemma: garantire il reddito o il salario? un interessante focus sul lavoro sommerso e sulle misure necessarie a far emergere i lavoratori “invisibili”, e Tempi di vita/Tempi di lavoro, in cui si proverà a rispondere a domande su temi quali il gap di genere all’interno del mercato del lavoro, i termini del rapporto tempi di vita e tempi di lavoro – reso ancora più problematico dalla pandemia e dallo smartworking forzato – e, ancora, la tutela della salute e del benessere di chi da mesi lavora da casa senza una nuova regolamentazione.

Frutto di questa importante partnership è anche il ciclo di incontri dal titolo There is NO Alternative. Vie d’uscita dalla crisi. L’obiettivo è ripensare il modello di sviluppo prevalente nell’economie avanzate e provare a definire una nuova agenda politica che tenga conto dell’innovazione tecnologica e infrastrutturale e delle tante criticità sistemiche messe in luce dalla pandemia, nella ferma convinzione che esistono alternative concrete all’attuale sistema capitalista.

In che modo lo Stato e le istituzioni pubbliche possono governare la rivoluzione tecnologica e indirizzarla verso obiettivi di giustizia sociale e di reale sviluppo per tutti? Quali politiche sono necessarie affinché l’industria 4.0 non trasformi la società in un medioevo tecnologico? È possibile guidare la transizione verso lavori ad alta specializzazione e contenuto cognitivo senza impattare rovinosamente sui livelli occupazionali? Per rispondere a queste e a molte altre domande, martedì 22 settembre, si terrà l’evento “Come è possibile governare l’innovazione tecnologica?” Ospiti: Alec Ross, docente alla Columbia University, Francesca Bria, presidente della Fondazione Nazionale Innovazione e Manlio Ciralli, Chief Sales, Branding & Innovation Officer del Gruppo Adecco.

Per partecipare fisicamente agli incontri è necessario registrarsi su fondazionefeltrinelli.it e su eventbrite.it. Gli incontri si possono seguire anche in diretta sulla pagina Facebook e sul sito della Fondazione Feltrinelli.

Guarda cosa sta succedendo

Play for Inclusion

Con l'obiettivo di avviare e alimentare un confronto e per favorire l'inclusione socio-lavorativa delle persone rifugiate, abbiamo organizzato, con Fondazione Adecco per le Pari Opportunità e Liberi Nantes, l’evento Play for Inclusion: una partita di calcio amichevole.

2020-08-31T14:52:40+01:00