Global Talent Competitiveness Index 2017 2017-03-02T15:39:30+00:00

Global Talent
Competitiveness Index
2017

Il 16 gennaio 2017 a Davos, in Svizzera, sono stati presentati i risultati del GTCI 2017, all’interno del meeting annuale del World Economic Forum, di cui The Adecco Group è partner strategico.

In breve

Dai risultati 2017, il Paese più attrattivo a livello mondiale risulta essere la Svizzera, seguita da Singapore e Regno Unito. L’Italia si colloca al 40esimo posto a livello globale per capacità di attrarre talenti.

Il nostro Paese mostra un certo ritardo nell’attrarre talenti, in particolare rispetto alle economie sviluppate; al contrario, si dimostra valido nella capacità di formare il talento e di fruire di capitale umano qualificato. La capacità dell’Italia di permettere al talento di svilupparsi e crescere prende in considerazione specifici indicatori come il livello del sistema educativo, la qualità della formazione continua e l’accesso a opportunità di apprendimento per tutto il corso della vita.

Per la prima volta, il GTCI punta i fari anche sulle singole città. Buoni risultati per alcuni centri come Bologna, Milano (31°) e Torino (35°), che si posizionano tra le 50 città del mondo con maggiore capacità di attrarre professionisti e giovani risorse. A dominare la classifica internazionale, invece, si confermano per capacità attrattive per i talenti alcune città del Nord Europa: Copenaghen, Zurigo e Helsinki.

Guarda cosa sta succedendo.

GenerAZIONE, il festival di chi immagina e costruisce

In un periodo di incertezze, siamo convinti che ci sia un forte bisogno di dialogo. Per questo il 9 e il 10 novembre si terrà...

The Adecco Group e Microsoft ancora inseme per una nuova stagione di incontri

Dopo i primi 3 eventi dell'inverno/primavera 2018 che hanno avuto molto seguito, ritorna la serie di incontri dal titolo FWD - Future.Work.Digital.

Conoscenze, abilità e attitudini: cosa cercano le aziende?

In una società in continua evoluzione, diventa fondamentale comprendere le esigenze del mercato del lavoro che cambia...